The World is your Oyster – Il Mondo è la tua ostrica

Tutto cambia se pensi che ogni azione del singolo individuo può fare la differenza.

Tutto stagna quando ti convinci che la storia è già scritta da chi ha più potere di te.

Aver avuto l’opportunità di viaggiare mi ha aperto gli occhi sulle alternative possibili.

Riutilizzare gli oggetti, ad esempio.

In Francia c’era questa tradizione della “braderie“. Ogni domenica, in un quartiere della città, ogni abitante installava sotto casa una bancarella con oggetti, vestiti e manufatti di cui non aveva più bisogno. Alla fine della giornata non era tanto importante quanto avessi venduto, ma la qualità dei rapporti umani che avevi instaurato con i vicini.

Anche a Patti si è organizzato qualcosa di simile, un baratto intitolato “Cambio&Scambio” gestito dalla Banca del Tempo a ridosso delle festività natalizie. 

Perché questo evento nobile non è diventato una consuetudine?

Guardando alla Terra dove sono nata, la Sicilia, negli anni mi sono resa conto di quanto l’emigrazione giovanile sottraesse energia al cambiamento evolutivo. Solo se fisicamente vivi un luogo puoi lasciare un’impronta.

Essere a volte costretti ad emigrare non è però solo un male, perché nell’incontrare altri Mondi nascono nuove idee.

Oggi, che vedo la Sicilia con altri occhi, mi rendo conto di quanto fermento stia smuovendo il potenziale sopito di questa isola.

Il “Ritorno alla Terra è un movimento ormai d’attualità in ogni parte d’Europa. E la Perla del Mediterraneo, con la sua singolare geografia, può essere una meta ambita per chi vuole essere protagonista di questo movimento.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon25
Tweet 22
fb-share-icon28

2 pensieri su “The World is your Oyster – Il Mondo è la tua ostrica”

Lascia un commento