NOCCIOLE BIO IN GUSCIO CRUDE

In offerta!

3,506,00 Iva inclusa

Le nostre NOCCIOLE BIO IN GUSCIO sono al 100% di Nocciole di Montalbano Elicona,coltivate in BIOLOGICO in Sicilia sui Nebrodi! Sono un “Elisir di lunga vita”, infatti, oltre a deliziare il palato, sono molto energetiche, aiutano a combattere l’invecchiamento, il colesterolo cattivo e sono alleate del nostro sistema cardiocircolatorio. Come spuntino per grandi e piccini sono una scelta vincente, gustosa e salutare! E infine con le nocciole ci si può anche divertire con il Gioco dei Carilli di Nucidde!

4,00 3,50 Iva inclusa

Disponibile

6,50 6,00 Iva inclusa

Disponibile

Descrizione

Le nostre NOCCIOLE BIO IN GUSCIO sono al 100% di Nocciole di Montalbano, in Sicilia sui Nebrodi! Sono nocciole coltivate in BIOLOGICO nel rispetto dei cicli stagionali e degli equilibri naturali; raccolte, asciugate al sole e lasciate con il guscio, in modo da mantenere, anche per 12 mesi, inalterate le ricchissime proprietà nutrizionali delle Nocciole Tonde dei Nebrodi: fonti di vitamine, minerali (potassio, magnesio fosforo e calcio), proteine, fibre, acidi grassi essenziali (i cosiddetti acidi grassi buoni) e antiossidanti (come la vitamina E)! Genuine, perfette per tutti, grandi e piccini ed in particolare per celiaci e diabetici!

Appena sgusciate saranno una delizia del palato, avranno mantenuto il loro sapore unico ed il loro profumo intenso. Le nocciole in guscio crude si possono sgusciare e mangiare subito, oppure tostarle ancora in guscio per 20 minuti a 130 e conservare, oppure utilizzarle per creare dolci e pietanze salate dopo averle sgusciate e tostate per 12 minuti a 180 in forno ventilato.

Ma le nocciole non servono solo per mangiarle, un tempo ci giocavano tutti i bambini! Avete mai provato il Gioco dei Carilli di Nucidde : Oltre a riempire centri tavola ricolmi di frutta secca in attesa di invitati affamati, fino agli anni 60, era tradizione, per la maggior parte dei ragazzini, dei vari quartieri e rioni, giocare con le nocciole durante il periodo delle festività natalizie. Era un gioco semplice e senza grosse pretese, bastava avere soltanto una buona coordinazione oculo-manuale e naturalmente le nocciole. Ci si riuniva in gruppo, poi ogni partecipante doveva preparare il suo “carrillo” formato da tre nocciole poste una accanto all’altra sormontate da un’altra nocciola. I carrilli, cosi preparati, si mettevano insieme su uno spiazzo del cortile o della strada, poi si faceva o tuocco cioè la conta e il designato dalla sorte, postosi ad una determinata distanza, tirava il primo colpo con una nocciola più grande delle altre chiamata “menangola”, e cercava di colpire e di far cadere il maggior numero di carrilli, che naturalmente vinceva, Dopo di lui si ripeteva la conta e così si andava avanti fino ad esaurimento delle nocciole poste in gioco. I ragazzini, le nocciole che servivano per giocare, le tenevano in sacchetti di varia foggia e materiale, quelle in più, ci si sedeva a terra con un buon sasso e …. buon appetito!

!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *