Itinerari a Piedi

 


Al confine tra i Monti Nebrodi e Peloritani, Montalbano Elicona offre la possibilità di vivere esperienze di viaggio a contatto con la natura. Fra la Riserva Orientata del Bosco di Malabotta, i suggestivi megaliti dell’Argimusco, il bacino naturale del Fiume Elicona, le caratteristiche Tholos e le tradizioni rurali del borgo, Handmade in collaborazione con il C.E.T. onlus (Centro di Educazione Territoriale), propone iniziative uniche per arricchire le vacanze in montagna.

Itinerari che proponiamo a Montalbano Elicona:  

Cerca i Voli Low Cost

Adventurous walks – Passeggiate Avventurose        

Esperienze memorabili nella Natura dei Nebrodi

Gruppi minimo di 6 persone:   SCHEDA DI PARTECIPAZIONE E LIBERATORIA

Cod.¹ Itinerario² Durata³ ore Prezzo4 a persona Grado5 difficoltà  Dislivello6  in mt. Note7
1. Passeggiate Aragonesi 2 € 10,00 Facile – Turistico <20 mt L
2. All’Argimusco; 2,50 € 10,00 medio Facile-Turistico >30 – <40 *
3. Al Bosco Malabotta; 2,50 € 10,00 medio Facile-Turistico >40 – <60 *
4. Ai Mulini del fiume Elicona; 2,50 € 10,00 medio Facile – Turistico >100 – <350 L
5. Ai Mulini del fiume Elicona; 2,50 € 10,00 Medio – escursionistico >100 – <350 L
6. Al Borgo di S.maria passando dal ponte Medievale e dal Fiume; 4,00 € 12,00

 

€ 16,00

medio Facile – Turistico

Compreso di Panino e 1/2 lt. Acqua

>100 – <350 L
7. L’itinerario dell’Acqua; 2,50 € 10,00 Facile – Turistico >100 – <350 L
8. Le passeggiate meditate al Fiume; 2,50 € 10,00 Facile – Turistico >100 – <350 L

 

1 Codice dell’Itinerario da indicare nell’acquisto;

2 Titolo dell’Itinerario;

3 Durata Ore: La durata dell’itinerario si intende il tempo impiegato in Andata e ritorno;

6 Il dislivello: misurato in metri presuppone la capacità di superare delle salite, quindi una buona capacità fisica, è sconsigliato a chi ha problemi respiratori, o patologie cardiache; Le passeggiate mantengono un ritmo sostenuto ma sono previste delle tappe, per la didattica ed osservazioni, e comunque a richiesta dei partecipanti.

7 Quando presente “*”: Vuol dire che bisogna arrivare con i propri mezzi al punto di partenza dell’itinerario.  “L” vuol dire che si parte dalla piazza del Paese oppure dal quartiere Livatera dove è possibile lasciare le macchine.

4 il prezzo si riferisce per ogni partecipante superiore ad età di sei anni e per un numero minimo di partecipanti di n. sei. 

5 Grado di difficoltà: L’itinerario di tipo facile -Turistico si intende una passeggiata su un sentiero sterrato e poco accidentato, indicato anche per persone anziane e bambini. L’itinerario di tipo Medio -Turistico si intende una passeggiata su un sentiero sterrato e poco accidentato ma con un dislivello che supera i 50 mt. L’itinerario di tipo facile escursionistico è indicato per persone esperte che siano in grado di percorrere dislivelli superiori ai 50 mt. e che sono in grado di superare ostacoli sulla sentieristica. Ad ognuno è richiesto una attrezzatura di base elencata in seguito nella pagina Nel periodo estivo, si richiede una dotazione minima. Cappello, Pantaloni lunghi, scarpe da trekking, acqua, crema solare, bastone.

1. Passeggiate Aragonesi Nel paese vi una storia medievale da raccontare fino ai giorni nostri, ricca di suggestioni, scolpite nei portali, nelle strade, nelle mura e nei volti della gente del posto. Portatori di un retaggio
2. All’Argimusco; La spiritualità si coglie nelle pietre, nella natura, nei paesaggi, luogo di particolare evocazione spirituale,
3. Al Bosco Malabotta; IL Bosco Malabotta, conserva tra le piante piu antiche della Sicilia, residuo di un bosco che investiva l’intero territorio nebroideo, oggi riserva e protetto, conserva delle peculiarità botaniche uniche nel suo genere, Le querce tra cui gli esemplari piu adulti denominati i patriarchi. Le faggete, i castagni, rappresentano la storia ecologica del territorio.
4. Ai Mulini del fiume Elicona; Itinerario medio facile. Inizia dalla Fonte del Tirone e giunge al Mulino Mundo, uno dei mulini che si conservano meglio. La stradella fino a non molto tempo unico collegamento al Centro di Montalbano porta a S. Maria. Continua la passeggiata lungo il fiume fino a Contrada Caenza si incontra una altra stradella che porta a contrada Spitalia;
5. Ai Mulini del fiume Elicona; Itinerario medio escursionistico di media difficoltà, passa dalla strada sterrata e giunge al ponticello da dove comincia il percorso lungo il fiume seguento il corso dell’acqua verso la Chiappazza e il ponte di ferro
6.  Al Borgo di S.maria passando dal ponte Medievale e dal Fiume; Itinerario medio facile. Inizia dalla Fonte del Tirone e giunge al Mulino Mundo, uno dei mulini che si conservano meglio. La stradella fino a non molto tempo unico collegamento al Centro di Montalbano porta a S. Maria. Si cammina fino al Borgo S. MAria. Si incontra il lavatoio un vero e proprio residuo della vita quotidiana del paese per lavare la biancheria.
7. L’itinerario dell’Acqua; Un percorso che segue le sorgeti del territorio, alla scoperta delle fonti di acqua che gsarantivano ai vindanti e ai paesani di passaggio con i muli l’abbeveramento delle bestie e il rifornimento per la casa.
8.Le passeggiate meditate al Fiume; La meditazione e le passeggiate sono in sintonia per trovare un ritmo che consente di concedersi un momento di riflessione, un momento di sosta dalla vita quotidiana per tentare di scrutare la propria vita da un altra angolazione, fare tesoro degli incontri e delle scoperte interiori. Favorire l’introspezione e concedersi momenti di vita spirituale.

Dotazione personale invernale:

  1. Scarpe da trekking (possibilmente in goretex o altro materiale impermeabile);
  2. Cappello, Pantaloni lunghi;
  3. Zainetto leggero con le provviste per mangiare e l’acqua da bere, (non caricate lo zaino con roba che non vi serve, farete solo più fatica e inutilmente);
  4. Macchina fotografica e/o videocamera (si consiglia di portarle con uno zaino e non con le tipiche borse in dotazione);
  5. Giubotto impermeabile imbottito. Jeans e magliettina vanno bene d’estate, ma in inverno o se si ha intenzione di pernottare meglio attrezzarsi di: calzettoni, maglia di pile, berrettino copriorecchie (c’è quasi sempre vento freddo in quota), torcia elettrica, sacco a pelo e tenda.
  6. Comode, ma non strettamente indispensabili se non avete intenzione di avventurarvi, sono le cartine dell’I.G.M.
  7. Crema solare (con alto fattore di protezione dai raggi UVA e UVB)
  8. Altra cosa importante da portare con se è un telefonino cellulare, anche se la ricezione non è ottima la copertura è quasi totale.

Etica del camminatore:

  1. Si Richiede la Massima Puntualità;
  2. Segue le direttive dell’accompagnatore;
  3. Leale, solidale, si va per per osservare la natura ed ascoltarla. Non sono gradite Voci, urli, durante le passeggiate ne radio ad alto volume.
  4. La Natura và rispettata, la nostra visita deve rappresentare un momento di crescita gioiosa e deve lasciare la natura integra e pulita. Non si butta niente a terra, non si rompono ne si raccolgono materiali di qualsiasi tipo.
  5. La natura è maestra di vita. Ascoltarla e imparare a conoscerla significa essere di volta in volta un po’ più felici;