Posted on Lascia un commento

Alcuni piatti del Ritrovo dei Re per l’inverno 2018-2019

Il tema che accompagna i nostri piatti sono essenzialmente due: La rievocazione di piatti di origine medievale (il nostro locale si ispira al medioevo di Montalbano Elicona e alla sua storia), e le nocciole che coltiviamo, sempre a Montalbano, e che vogliamo valorizzare, inserendo nei nostri piatti il sapore della nocciola.

Ci piace far mangiare bene i nostri ospiti e cerchiamo sempre di accontentarli, la nostra in fondo è una missione più che un lavoro, “Far mangiare bene” i nostri ospiti. Cominciamo subito con i nostri antipasti ricchi di sapori locali.

Garantiamo nel menù sempre un piatto di legumi, amiamo riproporre l’antico piatto medievale, oggi un po meno apprezzato, ma dalle qualità incredibili sulla nostra salute e il nostro palato. Non facciamo soffritti di carne per la preparazione del legumi in modo da garantire ai vegetariani ed ai vegani un piatto del tutto vegetariano, ma arricchiamo i sapori con l’aggiunta di erbette di queste montagne e le nocciole tostate che fanno un piatto veramente appetitoso.

Prediligiamo i prodotti di stagione, per cui da dicembre a Marzo non possono mancare i carciofi e i broccoli (Sponze chiamate da queste parti), i cui sapori sono arricchiti da altre essenze vegetali come il il finocchietto e le nocciole e per coloro che mangiano la ricotta su richiesta si può arricchire la ricetta con questo latticino che ne fanno dei piatti prelibati.

Le raviole al finocchietto e nocciole

I Nostri Ravioloni.

Ci piace proporre antiche ricette in cui inserire nuovi sapori, semplicemente dalle erbette dei Nebrodi, senza perdere il legame con la tradizione culinaria locale. L’abbinamento con un buon vino locale è sempre d’obbligo.

Il pecorino Primo sale con pesto di finocchietto e nocciole tostate

A esempio Il pecorino con il pesto di finocchietto e nocciole tostate risalta il sapore del formaggio aggiungendo nuove sensazioni e curiosità.

I carciofi con i funghi porcini danno il risultato di un sapore delicato dove resta importante il sapore di ciascuno dei due ingredienti.

Proponiamo delizie per il  palato con il nostro ragù di carne di vitello e maiale, o con l’agglassato un piatto antichissimo con carni di vitello e patate e la pasta fresca.

Pasta fresca con la salsiccia e cipolletta fresca e pomodori secchi.

Ravioli e Maccheroni al Ragù, farciti di ricotta ed erbette dei Nebrodi.

La “pasta fatta in casa”. Prepariamo la nostra pasta con frumenti tradizionali.

I nostri antipasti ricchi di sapori che raccontano la storia di queste montagne dei Nebrodi. Ricchi di formaggi locali e carni insaccate e tante verdure crude e cotte e conservate. Non mancherà un nostro formaggio ottenuto dal Kefir che lavoriamo con le erbette locali, ricchi di probiotici, un latticino salutare quasi quanto una medicina

Molti dei nostri piatti provengono dalla tradizione della cucina medievale:

Tra i legumi proponiamo le lenticchie, i fagioli, i Ceci, Le minestre tra cereali e legumi, e le Fave e i piselli, ecc. Spesso con delle verdure o semplici come i ceci per riproporre piatti e antichi sapori.

Dai formaggi ai salumi dei Nebrodi, ai primi piatti per ogni stagione,.

Molti piatti nuovi sono pronti per essere presentati al Pubblico, rivolti soprattutto ad un palato esigente, con sapori nuovi per il gusto di nuove esperienze gustative. Ogni inizio di nuova stagione presentiamo la nostra cucina di stagione con un “menù di degustazione” di tutti i piatti che saranno presenti durante la stagione. Invitiamo i nostri Clienti a degustare e provare le nostre proposte che saranno abbinate ad una esperienza da fare nel Borgo, o in uno dei tanti siti ricchi di Bellezza di questo territorio con una passeggiata accompagnata.

Posted on Lascia un commento

“Il Cibo e il senso di Comunità” al Ritrovo dei Re.

Il cibo come relazione: sedersi a tavola insieme, condividendo il cibo stando seduti attorno ad un tavolo, è un modo per sentirsi in “Comunità”. E’ la comunità intesa come Universo di “Esseri viventi”, percepirne i valori di cui essa si alimenta e tutte le relazioni che si costituiscono al suo interno. La tavola diventa il luogo eletto dello stare insieme, dove è facile che vengano fuori aspetti  di solidarietà ma anche conflittuali , il pasto e la tavola costituiscono un momento ed un luogo privilegiato “Vero” di Umanità.

Nell’incontro dei diversi sapori si ottiene un buon piatto

Al “Ritrovo dei Re” non possono mancare i piatti vegetariani. La “pasta all’Ortolana” è uno dei nostri piatti piu richiesti in particolare da chi non mangia carne. Il Segreto è una cottura al momento dell’ordinazione. Un piatto leggero ricco di sapori, vitamine e di sali minerali, particolarmente richiesto in estate. In inverno proponiamo la pasta con crema di broccoli, o con crema di carciofi ai funghi porcini essiccati, pasta con la crema di Zucca e funghi, ecc. Per gli amanti del Formaggio proponiamo i nostri formaggi piu tipici come la Provola di Montalbano con un salmariglio (pinzimonio) a base di finocchietto e nocciole; Oppure la fonduta dei formaggi di montalbano, o i formaggi passati in griglia.

Posted on Lascia un commento

Il Cibo ci mette in relazione con il Territorio, con il paesaggio, con la cultura del luogo e la sua “Bellezza”

La dimensione relazionale del Cibo è anche quella col territorio, col paesaggio,  la cultura  dei luoghi e la loro storia, con il lavoro di chi ha preparato il cibo e degli ingredienti che compongono ogni pietanza, il cibo fonde con i luoghi di cui esso è espressione, con la cucina  che lo ha trasformato in cibo. Un rapporto positivo col cibo – che vuol dire conoscenza, reciprocità, attenzione – uno stimolo ad una maggiore convivialità con i compagni di tavola. . In questo modo si ridà significato e importanza a un gesto fondamentale della nostra vita, che troppo spesso consideriamo usuale e banale.

I legumi del Ritrovo dei Re

Un piatto tra i piu antichi, hanno accompagnato da sempre presenti nella cucina . Un Vegetale ricco di proteina e di fibra, oggi meno considerato come piatto da ristorante, ma conserva delle proprietà salutistiche importantissime e li consigliamo ai nostri ospiti per una scelta salutare. Lo troverete sempre Nel menu del ristorante “Il Ritrovo dei Re”. Lo abbiamo rivisitato con alcuni ingredienti molto presenti sul territorio di Montalbano Elciona. I legumi li mettiamo a cottura lenta con diversi aromi del luogo, Alloro, sedano, cipolla, carota, rosmarino. gli Aromi servono a rendere piu digeribili le pietanze. Oltre al condimento con Olio extravergine di Oliva, inseriamo il finocchietto selvatico e le nocciole tostate, due ingredienti che valorizzano queste pietanze. Talvolta a seconda dei periodi, specie in estate, inseriamo nella ricetta dei legumi del pomodoro maturo fresco insieme al pesto di finocchietto e le nocciole tostate. Non mancano altri legumi, il macco di fave, i fagioli borlotti, i ceci.

Posted on Lascia un commento

Condividere il Cibo è un bisogno di relazione.

Al “Ritrovo dei Re” Condividere il cibo è il primo modo per sperimentare la relazione che abbiamo con la nostra “Madre Terra” o e con gli altri esseri viventi. La gratitudine che esprimiamo per assumere il cibo condiviso ci induce ad una riflessione sul nostro personale impegno di contribuire a“Nutrire il pianeta”, è l’appello a un nuovo modo di configurare i rapporti fra tutti gli esseri viventi e tra i popoli. In ogni caso dev’essere chiaro che a parlare di cibo non si puo parlare solo di calorie. Il cibo è benzina per ognuno di noi ma è anche  relazione che è condizione essenziale per la nostra esistenza.

Il Sugo nel Piatto

Non possono mancare i piatti a base di carne, ancora molto ricercati dai nostri ospiti, ottenuti da una cottura lunga e lenta, come facevano una volta le nostre nonne, per sciogliere i sapori nel sugo di pomodoro o in bianco (Agglassato che è un piatto medievale). Sono piatti aromatizzati con erbe antiche, rosmarino, salvia, alloro, pepe, ecc. Sono piatti ottenuti con derivati da animali, oggi vi è una tendenza ad una drastica riduzione verso piatti a base di vegetali, decisamente con una digeribilità meno impegnativa. Oggi si tenta di limitare l’impiego delle carni e dei derivati animali nelle diete. Al Ritrovo dei Re seguendo le antiche ricette si predilige la digeribilità dei sughi evitando certi passaggi di cottura che ne appesantiscono la digeribilità pur conservando i sapori di un tempo.

Posted on Lascia un commento

Il Cibo ci racconta……! al “Ritrovo dei Re”

Il Cibo ha una memoria, porta scritto nelle suo DNA ed RNA la storia di come è arrivato a noi, di chi l’ha coltivato, contaminando l’energia di ogni commensale, in bene e in male. Il  cibo oltre il nutrire e a soddisfare “un peccato di gola”, aiuta a  ricomporre memorie, intessere relazioni e a condurre, da ultimo, al perdono (senso da dare al Dono di se stessi nella Comunità dei Viventi, non come aspetto sacrificale bensì componente essenziale della comunità dei Viventi)».

Al Ritrovo dei Re i piatti si raccontano

Ogni piatto ha una storia antica che appartiene ai luoghi di provenienza, alla cultura culinaria di ogni tempo, essi hanno sostenuto e accompagnato generazioni fino ai giorni nostri. Oggi la vita esige meno proteine e piu fibre, e vitamine . Alcuni piatti vengono adattati ai gusti che sono cambiati, vedi l’uso del pecorino soppiantato dal parmigiano e dal grana. Alcuni ingredienti non si usano quasi più e molti altri sono entrati in cucina introdotti da altre culture culinarie. Ma i piatti rivisitati sono capaci di raccontare storie. La porchetta ad esempio un piatto un tempo delle famiglie nobili, consisteva nel riempire un maialino di verdure e altre carni, uova e formaggi, passato alla griglia o nei sughi a base di verdure. Nel tempo la ricetta è diventata più popolare e alla portata di tutti. Semplicemente costituita da un impasto di carne, uova, formaggio e verdure avvolta nella cotenna di maiale e cotta nel sugo o in arrosto al forno.

Posted on Lascia un commento

Il Cibo per vivere o Vivere per cibarsi..

La Tavola è un occasione privilegiata per ripensare a gesti che ci confermano esseri in Relazione. Tutto ciò si esprime a tavola, in modo particolarmente immediato ed efficace, data la centralità che il cibo occupa nella esperienza quotidiana, il cibo oltre che essere ritenuto essenziale per vivere, ci trasmette intimamente una relazione con l’ “Universo”, é il momento quando una parte dell’Universo diventa parte intima di noi stessi. Consapevoli che a nostra volta siamo parte costitutiva dell’Universo, e per questo, il cibo incarna e riassume i valori centrali ed essenziali della nostra esistenza.

Al Ritrovo dei Re, l’infinito nel piatto

I sapori che possiamo esprimere in Sicilia sono infiniti, la Sicilia da sola è il territorio con piu varietà vegetazionale di tutta la terra. Una terra capace di produrre quasi di tutto. I sapori trovano combinazioni infinite e un buon sapore è quasi sempre legato alle buone capacità nutrizionali. Ma i sapori non dicono tutto quello che c’è da sapere in un piatto, le ricette raccontano la storia del tempo, spesso sono piatti nati nelle cucine dei ceti piu poveri della popolazione, come il baccalà e lo stocco con le patate, o la parmigiana, o la pasta con le sarde, o piatti piu importanti come arrosti e carni alle griglie e dessert che sono nati nelle cucine delle case nobiliari.

Sugo in bianco o Agglassato di Vitello

Una ricetta antica che richiede una cottura delle carni per diverse ore, dopo essere stata rosolata con aglio e sfumata con il vino bianco. Una aggiunte consistente di cipolle e aromatizzata con erbe aromatiche (rosmarino, salvia, Alloro). Si ottiene un Sugo dai sapori intensi, una volta sgrassato costituisce il condimento dei maccheroni fatti in casa o un un buonissimo secondo di carne.

Posted on Lascia un commento

Mangiare…!, un gesto di cui abbiamo bisogno….

Mangiare è un gesto individuale; ma piace farlo assieme ad Altri. Abbiamo necessità di  forme conviviali, sociali e relazionali. Per Tanti è un rito, è un godimento, una necessità, per Altri, talvolta, un lusso. Al “Ritrovo dei Re” ci piace servire un cibo che sappia raccontare una storia di socialità, in grado di poterci accomunare con Altri commensali. Già nella fase di preparazione della pietanza il nostro Cuoco, come un sacerdote, racconta una storia attraverso e oltre il “cibo” che ha preparato, attraverso gli ingredienti che lo compongono nella scelta del Km0, della stagionalità dei prodotti e della loro genuinità e senza chimica, ricorrendo a ciò che la natura ci mette a disposizione e attraverso la scelta di cucinare il meglio che si trova tra i prodotti dei contadini locali.

I funghi Filera Crescono nel Bosco, nei Noccioleti, sono molto buoni e salutistici, di solito Li proponiamo semplici, trifolati con un trito di aglio in olio Extra vergine di oliva e prezzemolo, ma i modi di cucinare sono tanti, con il pomodoro, impanati, alla griglia, ecc.
Posted on 1 commento

La Cucina del “Ritrovo dei Re”, ed un modo di stare assieme.

Cucinare e servire una pietanza per lo staff del “Ritrovo dei Re” è molto di più che preparare un cibo appetitoso. La nostra cucina sceglie ingredienti sani per portare a tavola soprattutto un cibo sano che faccia “bene”. Ma ci importa anche stare bene nello spirito, è un altro invito che comunichiamo ai nostri commensali. E tutto questo ci aiuta a raggiungere un benessere che va oltre la sazietà e il godimento del cibo. Cosi comunichiamo ai nostri commensali che gustare una pietanza vuol dire entrare in relazione con una storia culinaria e le tradizioni di un luogo. Assumere il cibo vuol dire  assumere “stili conviviali” cioè modi di essere, utili per la condivisione e l’ospitalità verso gli Altri, come elementi costitutivi del gesto alimentare.

Le verdure che raccogliamo nelle campagne sono l'esempio di cio che di meraviglioso ci può donare Nostra Madre Terra

I Piatti a base di Verdure hanno la funzione di depurare, il nostro organismo, dare fibre utili al nostro corpo. I sapori possono essere semplici e tradizionali, cotti in acqua con un aggiunta di Olio Extra Vergine,
o cotte con un po di pomodoro, o saltate con aglio. oppure in alternative Erbe cotte in umido ed elaborate in una frittatina.

Posted on Lascia un commento

Proponiamo un formaggio cremoso da spalmare, tutto “fatto a mano” dal “Ritrovo dei Re” e lo abbiamo Chiamato il “Formaggio dei Re”.

Un Formaggio da gustare tutto nostro è stata sempre la nostra aspirazione, adesso ci siamo riusciti e lo proponiamo sia in versione Dolce che salata. 

Il kefir è un latte fermentato simile allo yogurt, la sua consistenza permette di assumerlo come bevanda; il gusto è simile ad un latte burrato.

• Il termine Kefir deriva dal Turco e significa “sentirsi bene”. 
• E’ molto ricco di proteine, minerali e vitamine particolarmente quelle del gruppo “B”. 

Il kefir possiede fattori naturali che prevengono la crescita batterica (il cosiddetto “effetto antibatterico”). La pulizia del tratto digestivo avviene tramite la diretta eliminazione di sostanze patogene presenti nei cibi. Regola l’attività del colon, il metabolismo e la digestione.

• Potenzia il Sistema Immunitario (BMC Immunology Journal, June 2015); il sistema immunitario è di primaria importanza nella prevenzione e nella lotta alle malattie. 

• Possiede effetti rilassanti agendo sul Sistema Nervoso tramite l’aminoacido Triptofano. Il triptofano, unitamente a Calcio e Magnesio contenuti nel Kefir, rendono questa bevanda di grande utilità per coloro che hanno difficoltà a prender sonno.

• Abbassa i livelli di glucosio ematico e di colesterolo, agendo positivamente sia su soggetti con diabete che su soggetti con ipercolesterolomia-

• Può anche essere considerato un prodotto di bellezza poiché rende pelle e capelli più lisci; questo perché contiene batteri che si nutrono di lattosio, ciò previene l’eliminazione di glucosio circolante nel corpo (in contemporanea: perdita di peso).

• E’ coadiuvante nel trattamento di infezioni da funghi, tubercolosi, eczema, ipertensione, ulcera, depressione, ansietà ed osteoporosi.

In conclusione, il kefir come probiotico ha innumerevoli effetti benefici per la salute ed è un grande contributo nel campo medico. L’utilizzo giornaliero nella dieta può avere effetti positivi in diversi stati di salute che, talvolta, sono duri a risolversi. Conviene provarlo, non si tratta di un farmaco, ma di un semplice alimento con innumerevoli proprietà! 

Dott. Roberto Barani (articolo tratto da una pubblicazione da WEB  dal sito  dell’associazione AILI (Assoc. Ital. latto-intolleranti)

Alcune ricette che vi proponiamo con il nostro formaggio:

  1. Ricette Salate con il “formaggio dei Re”:
  2. Formaggio al Finocchietto: Formaggio cremoso + pesto di finocchietto selvatico+ nocciole +aglio+sale;
  3. Formaggio semplice: Formaggio + sale;
  4. Formaggio aromatizzato alle erbe: Formaggio + menta + sale;

  5. Ricette dolci:
  6. Formaggio Kefir + miele + menta:
  7. Formaggio Kefir + crema di nocciole;

Il nostro formaggio genuino e tutto da spalmare si presta per tutte le occasioni dolce e salato, io l’ho gia sperimentato nella mia cucina con il pesto di finocchietto selvatico da spalmare sui formaggi piccanti. Ma anche sulle carni grasse avendo il ruolo di sgrassare il palato e di far risaltare i sapori delle carni e delle altre pietanze abbinate. Certo in questo caso cambia il tipo di vino che consiglio, non avremmo più bisogno di un rosso tipico locale ricco di tannini ma di un buon vinello bianco e meglio ancora di un vino prosecco che oramai le cantine locali più prestigiose propongono sul mercato.

Posted on Lascia un commento

La cucina del “Ritrovo Dei Re”. – un modo di “pensare” ed un modo di “cucinare”;

Una premessa: Non siamo nati ristoratori. Siamo una azienda agricola che coltiva la terra. I nostri soci provengono da genitori agricoltori e/o allevatori. A Noi piace mangiare bene, con un andamento lento, seguendo i ritmi della natura, impiegando prodotti genuini  e possibilmente coltivati nella nostra azienda agricola adottando tecniche di coltivazione nel rispetto del “Creato” e senza chimica.

Il nostro Cuoco, appassionato di cucina,  è l’Agronomo Silvio si occupa anche della

nostra azienda agricola in gestione alla cooperativa Handmade (fatto a mano).  Katia Foti si dedica al Laboratorio per la produzione di Biscotti e Creme di Nocciole e Conserve, e i dessert per il ristorante, ecc.

Abbiamo scelto di cucinare per Altre Persone per il piacere di comunicare un concetto di condivisione del pasto che si rifà al significato di “Comunità”,  al gusto dell’amicizia e  della “relazione” e dello “stare in compagnia”, dell’accoglienza e ospitalità, valori che risalgono ai nostri Avi.

Stare in  “Compagnia o avere un Compagno/a” deriva dal Latino  “Cum-Pane” vuol dire stare in compagnia condividendo il pane.  E’ importante il “cibo che nutre”“bello da vedere“. Ci  teniamo molto ad offrire nuove pietanze rivisitate da un ricettario tipico locale.

Ma il cibo che nutre il corpo non basta, il nostro spazio del “Ritrovo dei Re” lo pensiamo come luogo privilegiato dell'”incontro tra persone”, che attorno alla tavola intendono celebrare il meglio che la vita ci può offrire con altre persone. Il “Ritrovo dei Re” vuole essere un luogo privilegiato dove si nutre anche lo spirito nella condivisione del cibo.

Il Cibo ci nutre e ci garantisce la sopravvivenza. E’ vitale anchela “Relazione” che nutre lo Spirit

o ed è altrettanto essenziale per la nostra sopravvivenza.

Agli ospiti che ci pregeranno della loro presenza alla nostra tavola, offriremo accoglienza e amicizia.

I Prodotti che utilizziamo sono preferibilmente locali, coltivati nel rispetto del Creato, senza chimica. Privilegiamo i prodotti di stagione.

Curiamo il benessere dei nostri commensali, privilegiamo dei piatti digeribili, semplici e bilanciati, senza eccesso di grassi e proteine e ricche di fibra. E sempre realizzati con nuove ricette.

Una presentazione di piatti nuovi che intendono stimolare la vostra curiosità sollecitando nuove sensazioni del gusto.

Alcuni piatti della nostra cucina:

  1.  “Spizzico del Re” un Antipasto ricco costituito da formaggi e insaccati locali e verdurine;
  2. Primi piatti per i vegetariani con le Verdure al finocchietto selvatico, verdurine di campo dei Nebrodi e nocciole;
    1. Le nostre pizze fritte alla tuma e acciuga,
    2. Tuma e cipolla e pomodoro;
  3. Primi piatti a base di carne;
  4. Primi piatti a base di verdure dei nostri campi;
  5. La stessa cosa vale per i secondi piatti riconducibili alle stagioni e ai prodotti della nostre terre che coltiviamo.
  6. Dessert: decisamente all’insegna della nocciola;
  7. Vino Locale dell’azienda Cottanera Rosso e bianco dell’Etna di Castiglione di Sicilia, ; Acqua locale dell’azienda Fontalba azienda che imbottiglia a pochi km. dal nostro ristorante, acqua dei monti dei Nebrodi;
  8. l’Azienda Vitivinicola e Cantina “Cambria” che produce un ottimo “Nocera” Vino tipico della Vallate dei Nebrodi ottenuto da antichi vitigni tramandati fino ai giorni nostri e migliorati;
  9. Il Tutto servito immersi nella storia, abbiamo dedicato il ristorante alla Storia di Federico II e la Regina Eleonora, Serviamo in Costume medievale, disponibili anche per gli ospiti per Coloro i quali volessero immergersi nel tempo e passeggiare con le nostre guide nei vicoli del Borgo;

E per chi volesse solo trovare nella pausa di pranzo, un occasione per godersi un tempo di riposo, possiamo offrire un menù turistico;

Per chi volesse prenotare al “Ritrovo dei Re” tel a Silvio o Rosaria al 3467654897 oppure al 3467654899 – 0941 1930688