Il valore di un sogno

Oggi più che mai abbiamo bisogno di “sogni” per immaginare un futuro nuovo con altre regole e principi.  Un futuro dove l’uomo non si considera al Centro della Creazione ma un Essere vivente tra tanti nella comunità del Creato, fatto di animali, piante, insetti, microbi, ecc. Stabilendo una armonia ed un uso della “conoscenza” o della “Sapienza” per il bene comune.  Consapevole che non si può sottomettere un altro essere vivente se non nell’equilibrio che Madre Natura o “Madre Terra” stabilisce.

In soli 200.000 anni abbiamo modificato ecosistemi, inquinato e imposto regole di comportamento ai nostri stessi simili e approfittato per potere esercitare la nostra presunzione di stare al centro dell’universo dove ogni elemento è soggiocato al mercato.

Ricominciare dalla famiglia come piccolo nucleo da cui partire fino alla famiglia piu grande, quella umana, la cui peculiarità è quello di avere compreso che la nostra sopravivenza dipende da quanto siaremo in grado di garantire la soproavvivenza di ogni altro Essere vivente in un connubio armonico secondo le regole di “Madre Natura”, verso un altra considerazione, di “famiglia del Creato”. Verso il concetto di “bene comune” universale.

La Natura dovrebbe essere il nostro riferimento per imparare a convivere con tutti Gli Esseri Vieventi. Vivere in una dimensione nuova del rapporto con il Creato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *